Home > Destinazioni > Venice > 20 Maggio 2018: Tra le calli, le sinagoghe e i canali della Venezia ebraica

20 Maggio 2018: Tra le calli, le sinagoghe e i canali della Venezia ebraica - 1 Day

Maker:L,Date:2017-8-12,Ver:5,Lens:Kan03,Act:Kan02,E-Y
20 Maggio 2018: Tra le calli, le sinagoghe e i canali della Venezia ebraica

Il Ghetto ebraico di Venezia è una città’ nella città’. Nei momenti di massima espansione, qui vivevano sino a 5000 residenti.

Oggi come un tempo, il ghetto ebraico di Venezia si divide in tre “macro-zone”:

  • il ghetto vecchio,
  • il ghetto nuovo
  • il ghetto nuovissimo.

In realtà il ghetto nuovo è quello più antico nel quale si stabilirono i primi ebrei (gli ashkenaziti) provenienti dall’ Europa centrale. Al turista, il ghetto nuovo appare come una vera e propria isola circondata da canali, collegato al resto della città da dei ponti che,  a mezzanotte, venivano chiusi da cancelli per essere riaperti al mattino.

Con il tempo arrivarono in città anche dei nuovi gruppi di ebrei come gli italiani, i ponentini (provenienti da Spagna e Portogallo) e i levantini (provenienti dalla Grecia).  Furono troppi ad un certo punto per il ristretto Ghetto Nuovo. Nuovi spazi, negli anni, furono concessi agli “Ebrei veneziani” anche nel ghetto vecchio e nel ghetto nuovissimo.

In questa Venezia inedita nasce e prosegue il nostro tour. Un fantastico percorso a tappe che ci permetterà di avvicinarci ad una Venezia diversa da quella normalmente conosciuta e, qualche volta, superaffollata dai tanti turisti italiani come da quelli stranieri.

Nel nostro girovagare nella “Venezia Ebraica” non manchera’ una visita al Museo Ebraico. Un’ “autentica e preziosa memoria” della vita religiosa della comunità  ebrea veneziana.  Nelle sue sale, infatti, troveremo: argenti, rotoli della Torah e drappi, testi in ebraico. Ma soprattutto tanti cartelli informativi che raccontano la storia del ghetto ebraico e della persecuzione degli ebrei dalle origini alla Seconda Guerra Mondiale e, quindi, nei campi di concentramento.

La presenza delle sinagoghe potrebbe sfuggire al nostro occhio poco attento. Staremo vigili, ben sapendo che questi luoghi di preghiera, oggi come allora,  sono stati ricavati all’interno di palazzi preesistenti. Ovviamente all’ultimo piano perché’ non ci può essere nulla di terreno al di sopra della sinagoga!

Il nostro "itinerario veneziano":

  • Alle ore 10.30, ritrovo in Stazione Venezia Santa Lucia del Gruppo;
  • Alle ore 11.00, inizia la nostra Visita al museo Ebraico  e alle Sinagoghe veneziane;
  • Alle ore 13.30 uno spuntino veloce in un Bacaro Venziano e poi prosegue la nostra Passeggiata lungo il Gheto Vecchio e il Gheto nuovissimo.
  • Alle ore 14.30 ci si dirige verso il Ponte di Rialto.
  • Alle ore 16.00 ci fermiamo al Fondaco dei Tedeschi. Due passi tra i negozi ma soprattutto una breve sosta sulla sua terrazza panoramica ad ammirare Venezia e la sua incredibile Laguna.
  • Alle 17.00 si prosegue per San Marco. Uno scorcio alla Piazza e al suo bel campanile.
  • Scende il tramonto, ed è già tempo di tornare verso Piazzale Roma in un fantasioso percorso tra calli campielli e canali.
 

 

You can send your inquiry via the form below.

Trip Facts

  • Treno
  • 5